Condividi su:

Una carrambata è per sempre

Questa è una storia di incontri, allontanamenti e riconciliazioni.
Come quelli di cui Raffaella raccontava in Carràmba!.

È il 18 giugno 2020, il giorno del compleanno di Raffaella.
Il caloroso profluvio di auguri mi suggerisce che sia giunto il momento di dedicarle un articolo sul mio sito www.heroica.it.
Ad affascinarmi è una Raffaella che non ho vissuto in prima persona, ma che con il suo ombelico scoperto e i suoi pantaloni a zampa d’elefante ricorda un’icona dei miei tempi, una Britney Spears ante litteram. È la Raffaella di Canzonissima, nelle edizioni appena dopo il ‘68: sono sicuro che oltre a quell’ombelico ci sia di più. Comincio a guardare i suoi vecchi programmi e a cercare fonti. In mezzo ad articoli e libri dal tono puramente divulgativo, mi imbatto in Raffaella Carrà. Cinquant’anni di desiderio (Bulzoni, 2019; 2022). In questo scritto, frasi fatte e sentenze di rito sulla ‘più amata dagli italiani’ lasciavano spazio ad uno studio approfondito, il primo al mondo. Era esattamente quello che stavo cercando: un’indagine scientifica sull’icona-Carrà, con risvolti che abbracciavano la sociologia, gli studi di genere e quant’altro costituisca il mio pane quotidiano. L’autrice era Caterina Rita, la stessa studiosa con cui ho il piacere e l’onore di aver condiviso la gestazione del presente saggio.

Cos’è successo poi?
Ho scritto il mio articolo, dal titolo Raffaella Carrà: Liberazione Sessuale Pop, citando Caterina Rita in diversi punti (a testimonianza del valore del suo lavoro di ricerca), e poi l’ho pubblicato sul mio sito. Ora siamo al 4 luglio 2020, mesi prima – ci tengo a dirlo! – dell’uscita dell’ormai celebre articolo del The Guardian che la celebrava per gli stessi motivi.
Il mio articolo piace a molte persone, viene letto e condiviso. Gira perfino negli ambienti Rai (con apprezzamenti da parte di Fabio Canino e Salvo Guercio), fino a giungere alla stessa Caterina, che scrive una bella email porgendo calorosi complimenti e ringraziamenti. Sono al settimo cielo: ancora prima che riuscissi a capire come contattarla, è stata lei a ‘trovare’ me! Le propongo subito di restare in contatto per eventuali collaborazioni future e lei accetta con simpatia. Ci scambiamo qualche altro messaggio nel corso dei mesi, poi le propongo di scrivere un saggio per la mia collana di ebook, che sarebbe partita nel giugno del 2021. Caterina accetta la mia proposta con entusiasmo e comincia subito a lavorarci. Il saggio su Raffaella era previsto per luglio: mi piaceva l’idea di pubblicarlo attorno al 4, a un anno dall’uscita di quell’articolo che aveva avuto tanta fortuna. Poi accade quello che non ci saremmo mai aspettati. Il 5 luglio 2021, a un anno e un giorno da Liberazione Sessuale Pop, Raffaella si libera dal corpo fisico per diventare un’icona pura, immateriale.

A questo punto non so più cosa fare.
Da un lato non voglio lucrare sull’evento, dall’altro mi chiedo se il saggio a questo punto risulti incompleto, se quel ‘beatificazione popolare’ nel titolo possa risultare offensivo o se necessiti di maggiori integrazioni.
E poi davvero me la sento di scrivere di lei in questo momento, ancora preso dallo shock della perdita?

Sentivo il bisogno di allontanarmi da questi pensieri, almeno per un po’.

Nei mesi successivi mi sono dedicato ad altri progetti. Caterina è stata una presenza lontana, ma costante. Chiedendo aggiornamenti e incitandomi a lavorare, da vera ‘capitana d’industria’ brandizzata Carrà. Con quella dolce durezza da professoressa d’italiano di lunga data. Con l’inesorabile ritmo di una marcetta televisiva. “Presto e bene!”.

Alla fine eccoci qua, a un anno di distanza. Abbiamo scelto di non aggiungere niente a ciò che avevamo già scritto. Non vogliamo che il nostro saggio celebri la perdita, ma la riconciliazione. Ci siamo ritrovati per portare a termine il nostro progetto; abbiamo ritrovato le parole e il modo giusto per farlo. Ormai liberi dalla tristezza, siamo felici di poter ritrovare Raffaella fra queste pagine, e nella nostra immaginazione, ogni volta che vogliamo. “Perché dopo tanti anni… Raffaella… è qui!!!”. 

Liberazione Sessuale, Beatificazione Popolare, Adorazione Omosessuale

Il saggio è il naturale proseguimento del mio articolo: ho chiesto a Caterina Rita di prendere in considerazione l’altra faccia della medaglia della mia Liberazione Sessuale Pop. L’intento è quello di tracciare un’analisi dell’evoluzione dell’immagine divistica di Raffaella Carrà: dallo scintillante varietà serale (Canzonissima) alla vivace routine del mezzogiorno (Pronto… Raffaella?), dagli anni della Rivoluzione Sessuale a quelli del Riflusso. Come illustrato nella provocatoria immagine scelta per la copertina del saggio, Raffaella trascende la dicotomia santa-peccatrice per incarnare entrambe e nessuna di queste, materializzandosi in forme sempre nuove, in grado di attrarre a sé le casalinghe così come le femministe; il pubblico generico così come la comunità LGBT+.

Il saggio la presenta in una triplice configurazione, passando dalla Liberazione Sessuale alla Beatificazione Popolare, fino all’Adorazione Omosessuale. Il numero 3, che caratterizza il presente ebook anche a livello cronologico (è la terza uscita della collana), non è certo scelto a caso: in fondo sempre di divino femminile si tratta, anche se catodico.

Acquistalo QUI.

Condividi su: